Un hammam non da cartolina

Hammam Mellegue, 2004

  Dalla pancia del mio pc è riemersa questa foto del 2004, scattata       in un angolo sperduto della Tunisia, lontano dalle rotte turistiche. E’ un vero hammam – non quelle ricostruzioni che furoreggiano oggi tra occidentali a caccia di esotismo – e poi è stato ricavato fra i ruderi delle terme romane di duemila anni fa. Si chiama Hammam Mellegue e sta vicino a Le Kef, nel nord-ovest. 

Quando ci sono stato, con il mio amico Sandro Pincione, era stato occupato da una famiglia berbera che si era accampata lì fuori e lo utilizzava come fosse il bagno di famiglia. C’è chi invece ha avuto la fortuna di trovarlo libero e l’ha immortalato in un bel video postato su Youtube. Ci si arriva dopo aver mangiato polvere su una lunga strada sterrata che sembra non portare da nessuna parte. Poi vedi il rudere e non vedi l’ora di entrarci. Per lavarti e tornare indietro nel tempo.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in che ci faccio qui?, Il cibo dell'anima, turismo di guerra e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...