Siamo tutti giornalisti ?

Qualcuno in Rete storcerà la bocca vedendo che ho usato il punto interrogativo e non il  punto, a chiusura del titolo. Mentre qualcun’altro, nelle redazioni, potrebbe inorridire alla sola idea di quel punto, senza interrogativo. In ogni caso il problema esiste. Ed è giusto affrontarlo senza alzare steccati corporativi, ma anche senza fare demagogia da quattro soldi.

Riflette da tempo su questo tema il gruppo di lavoro che pubblica sul sito LSDI. Ed è di questi giorni un lungo articolo che fa il punto sul dibattito internazionale in corso, con precisione e ricchezza di link. Provo a riassumerlo per i più pigri, ma invito tutti a leggerlo, perchè ne vale la pena. Procediamo per punti:

1) Con il web 2.0 e la nascita della Rete partecipativa si è rotto per sempre il monopolio dell’informazione, prima saldamente in mano ai professionisti del settore: giornalisti, media mainstream e fonti istituzionali. Il risultato è che oggi c’è sempre più gente che produce, analizza, pubblica e si scambia informazioni e conoscenze, al di fuori dei canali tradizionali. E’ la democrazia della Rete, è il massimo del pluralismo, ma non è tutto oro quel che luccica.

2) Chiunque può fare atti di giornalismo, raccogliendo e diffondendo informazioni. Quindi il giornalismo non può più essere definito attraverso chi lo fa, ma semmai per il valore aggiunto che dà alle informazioni su cui lavora. In termini di serietà, competenza trasparenza e rispetto della deontologia.

3) Se fare atti di giornalismo è ormai alla portata di tutti, farne la propria professione richiede un’abnegazione e un investimento senza precedenti. Solo chi lo capirà avrà la possibilità di sopravvivere e di reinventarsi, con un ruolo nuovo e più complesso, nel mondo di domani. Che è già cominciato.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in giornalismo e dintorni e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Siamo tutti giornalisti ?

  1. GiuSci ha detto:

    Giornalista è solo chi ha il tempo e i mezzi per cercare la notizia e soprattutto verificare le fonti. In rete vedo più che altro “opinionisti”. Purtroppo ho l’impressione che, nel bene e nel male, sia più facile trovare un blogger disposto a “sbilanciarsi”, ad essere critico, che un giornalista vero e proprio. Penso ai recenti conflitti, a quello che si sarebbe potuto scrivere e dire quando sono iniziati, o almeno oggi, quando l’orrore è evidente. Penso a quello che ho sentito e letto domenica scorsa, anniversario 9/11, da l’Unità a il Giornale sembrava aver lavorato una sola (stupidissima) mente. Ho trovato due soli giornalisti disposti a ricordare che l’America non è meno criminale e terrorista di Bin Laden: Massimo Fini sul Fatto, e un altro sul Manifesto. Indicativo, direi.

  2. espertinserv ha detto:

    Amedeo, dammi il 5 !!! Pienamente d’accordo. Quindi… datti da fare!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...