Travelmates

Raffaele Ciriello

TRAVELMATES – COMPAGNI DI VIAGGIO

Pagina dedicata a LELLO:

“Per aver sopportato con me le buche di quella pista africana che non finiva più e per aver diviso il filo d’acqua regalato dal rubinetto di una sgangherata locanda afghana. Per lo sguardo che ci siamo scambiati salendo su quell’elicottero tenuto assieme dalla vernice e per la delusione di quell’intervista negata all’ultimo momento. Per quell’aereo mai partito e quel tassista atteso invano. Per quella marcia di ventidue ore e per l’abbraccio che ci siamo scambiati quando già ci davano dispersi. Per le levatacce sotto quei cieli di piombo e per i rientri a notte fonda nell’ oscurità complice di un coprifuoco allegramente ignorato. Per le serate senza cena senza luce. Solo due chiacchiere sempre le stesse. Domani, forse ci riusciamo, chissà. Per queste volte, e per quelle che verranno” (da http://www.raffaeleciriello.com)

Cristiano Tinazzi, Libia, giugno 2011, quando ancora lui e Gheddafi riuscivano a sorridere

Massimiliano Campanile, Libia, giugno 2011, quando a Tripoli si riusciva ancora a stare in bilico

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Cristiano Tinazzi, Iraq, agosto 2010, felice come una pasqua perchè può finalmente fare l'embedded

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Antonella Vicini, Afghanistan, agosto 2009, mentre si lascia briefare senza oppore resistenza dagli ufficiali della Folgore

 
 
 
 

Daniela Bricca, Afghanistan, agosto 2010, mentre cerca la verità con sprezzo del pericolo

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Nino Fezza, Libano, agosto 2006, quando decise di sfidare l'esercito israeliano in mezzo alle macerie

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Squadra che vince, non si cambia. Afghanistan, agosto 2009. Da sinistra: Pierangelo Maurizio, Francesco Pagnotta,Antonella Vicini, Vittorio Dell'Uva, Damiano Cerquaglia, Amedeo Ricucci, Daniela Bricca

 

Annunci

Una risposta a Travelmates

  1. fabio ha detto:

    sono delle foto meravigliose….bisognerebbe farle vedere ai giovani cronisti che pensano che il giornalismo sia stare davanti ad un computer…..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...